ANPROCICLINA 200*SACCO 25KG

CHEMIFARMA SpA
ANPROCICLINA 200*SACCO 25KG


Descrizione:

AVVERTENZE
L'utilizzo del prodotto dovrebbe essere basato su test di sensibilita' nei confronti di batteri isolati dagli animali da trattare. Se cio' non fosse possibile, la terapia dovrebbe essere basata su informazioni epidemiologiche locali (regionali o aziendali) circa la suscettibilita' dei batteri target. L'uso del prodotto in modo non conforme a quanto indicato nelle istruzioni puo' aumentare la prevalenza dei batteri resistenti alle tetracicline e puo' diminuire l'efficacia del trattamento con altri antibiotici della stessa classe o di classi diverse, per potenziale resistenza crociata. Si deve prestare una particolare attenzione nel migliorare le pratiche di allevamento per evitare ogni condizione di stress. L'utilizzo ripetuto o protratto dell'ossitetraciclina va evitato, migliorando le prassi di gestione e disinfezione. Precauzioni speciali per chi somministra il prodotto: non inalare ed evitare il contatto con la pelle e con gli occhi. In caso di contatto accidentale lavare abbondantemente con acqua e sapone. Lavare le mani dopo l'uso. Persone con ipersensibilita' accertata al principio attivo devono evitare contatti con il medicinale veterinario. Incompatibilita': non miscelare con altri medicinali veterinari.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Antibatterici per uso sistemico. Tetracicline.
CONSERVAZIONE
Conservare al riparo dalla luce e dall'umidita'. Periodo di validita' dopo prima apertura del condizionamento primario: 2 mesi. Dopo miscela nel mangime, il prodotto deve essere consumato immediatamente e non conservato.
CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Non somministrare ad animali sensibili alle tetracicline. Non somministrare ad animali con insufficienza renale o con disturbi epatici.
DENOMINAZIONE
ANPROCICLINA 200
DIAGNOSI E PRESCRIZIONE
Da vendersi soltanto dietro presentazione di ricetta medico veterinari
ECCIPIENTI
Q.b. a 1 kg.
EFFETTI INDESIDERATI
Nel suino si e' osservata depressione della risposta immunitaria al vaccino per il mal rossino.
GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
Nel coniglio la somministrazione durante le prime fasi della gravidanza puo' aumentare i casi di riassorbimento fetale. In tutte le altre specie, usare solo conformemente alla valutazione del rapporto rischio/beneficio. Limitare l'uso nel corso della gravidanza.
INDICAZIONI
Conigli: colibacillosi, salmonellosi, pasteurellosi. Suini: malattie batteriche intestinali e respiratorie causate da Actinobacillus pleuropneumoniae, Bordetella bronchiseptica, Brucella spp., Clostridium spp., Erysipelothrix rushiopatiae, Mycobacterium, Mycoplasma Spp., Pasteurella multocida., Pseudomonas spp., Streptococcus spp. Pesci: malattie batteriche causate da Aeromonas spp., Cytophaga, Pseudomonas spp., Vibrio Anguillarum.
INTERAZIONI
Evitare la somministrazione simultanea di minerali o di prodotti a base di calcio o magnesio e utilizzare, se possibile, un'alimentazione povera dei due elementi.
POSOLOGIA
Conigli: 275-770 ogni 100 kg (pari a 40-80 mg di ossitetraciclina/kg peso vivo) in funzione dell'eta', del peso e del consumo di mangime degli animali, per 3-5 giorni. Suini: 200-1.250 g ogni 100 kg (pari a 20-50 mg di ossitetraciclina/kg peso vivo), per 3-5 giorni, con le seguenti modalita'. Suini alimentati in ragione del 5% del p.v.: 200-500 g ogni 100 kg di mangime; suini alimentati in ragione del 3% del p.v.: 350-800 g/100 kg di mangime; suini alimentati in ragione de ogni 100 kg (pari a 75 mg di ossitetraciclina/kg peso vivo) in funzione dell'eta', del peso e del consumo di mangime degli animali, per 7-10 giorni. Evitare la somministrazione in mangimi ricchi di calcio e magnesio. Per evitare un sottodosaggio il peso corporeo deve essere determinato nel modo piu' accurato possibile.
PRINCIPI ATTIVI
Ossitetraciclina 200 g/kg.
SPECIE DI DESTINAZIONE
Conigli, suini, pesci.
TEMPO DI ATTESA
Carne. Suini: 14 giorni. Conigli: 12 giorni. Pesci: 37 giorni.
USO/VIA DI SOMMINISTRAZIONE
Orale.

codice: 102777024

In caso di promozioni, il prezzo barrato corrisponde a quello presente in farmacia.

Il nostro consiglio